in Gatto - Benessere e salute

Calcolare l’età dei gatti: come scoprire quanti anni ha il tuo Pet

Come calcolare l'età dei gatti: le regole da seguire

Calcolare l’età dei gatti in anni umani non è semplicemente uno sfizio di Pet parent curiosi ma un’informazione importante per capire come il proprio amico a quattro zampe invecchi rispetto a un essere umano e trarne considerazioni per la sua salute. In particolare, è importantissimo scegliere un’alimentazione adeguata alla fascia d’età del gatto.

In questo articolo vedremo:

  • Come calcolare l’età del gatto in confronto con l’età di un essere umano;
  • Come capire l’età di un gatto randagio;
  • Scegliere l’alimentazione migliore per il tuo gatto in base alla sua età.

Ecco la guida completa da seguire per calcolare l’età dei gatti!

Come calcolare l’età dei gatti in anni umani?

Calcolare l’età dei gatti è semplice: le circa 71 razze ufficialmente riconosciute dalla TICA, The International Cat Association, sono sostanzialmente tutte della stessa taglia, salvo poche eccezioni.

Quindi nei gatti il calcolo è presto fatto: il primo anno corrisponde a 15 anni, il secondo a 24 anni, e ogni anno successivo si moltiplica per 4.

Ad esempio, per un gatto di 4 anni si contano i primi 2 anni come 24 anni, e si aggiunge 4X2=8; quindi avrà circa 32 anni umani.

I gatti invecchiano molto più rapidamente durante i loro primi anni di vita, fino al raggiungimento dei due anni d’età. Dopo i due anni, è abbastanza semplice calcolare l’età del tuo gatto in anni umani: devi semplicemente aggiungerne quattro per ogni anno in più.

Per un gattino o gatto fino a un anno di età il convertitore in anni umani del piccolo felino è all’incirca quanto segue:

  • Gattino di 1 mese = bambino umano di 6 mesi
  • Gattino di 3 mesi = bambino di 4 anni
  • Gattino di 6 mesi = 10 anni umani
  • Gattino di 8 mesi = umano di 15 anni
  • Un gatto di 1 anno ha raggiunto l’età adulta, l’equivalente di 18 anni umani

Come capire l’età di un gatto randagio?

Se un gatto è un randagio, un trovatello, oppure in generale non si è in grado di sapere l’esatta età del nuovo arrivato in famiglia, esistono degli indicatori fisici che possono essere d’aiuto a stimare l’età del felino, come i denti, il manto, gli occhi, il livello di attività, il tono muscolare e i cambiamenti comportamentali.

Capire l’età del gatto dai denti

Macchie gialle, accumulo di tartaro e denti mancanti possono essere indicatori di un gatto più anziano, mentre denti bianchi indicano che il gatto sia probabilmente più giovane di 1 anno.

In generale, più il gatto è anziano, più i denti sono macchiati.

Se ci fosse un po’ d’ingiallimento, il gatto potrebbe avere tra 1 e 2 anni. L’accumulo di tartaro su tutti i denti può indicare un’età compresa tra 3 e 5 anni, anche se può essere dovuto a fattori diversi dal semplice invecchiamento, come una scarsa igiene orale. Anche i denti mancanti possono essere indice di anzianità, anche se problemi di salute e altre cause (come precedenti interventi di chirurgia dentale) possono esserne la causa.

Se vuoi saperne di più, leggi i nostri consigli sull’igiene orale per il tuo pet.

Capire l’età del gatto dal mantello

Solitamente, più vecchio è il gatto, più spessa e ruvida è la pelliccia. Bisogna comunque tenere in considerazione che razze diverse avranno diversi spessori del mantello e potrebbero naturalmente avere una pelliccia fine o spessa a qualsiasi età.

I gatti più anziani, inoltre, tendono ad avere macchie bianche o grigie.

Capire l’età del gatto dagli occhi

I gatti giovani hanno occhi molto luminosi e chiari, di solito senza perdite, a seconda della salute e della razza. Man mano che il gatto invecchia, le iridi del gatto possono apparire frastagliate. Un gatto con offuscamento degli occhi può indicare un anziano.

Altri fattori per capire l’età del gatto

Altri fattori utili per comprendere l’età del gatto sono:

  • il livello di attività: meno movimento, perdita di peso o muscolare (diventando più ossuto) e predisposizione all’artrite sono più comuni nei gatti che hanno superato i 7 anni d’età;
  • il tono muscolare del gatto è un altro fattore utile: i gatti più giovani sono muscolosi e i gatti più anziani spesso sono più ossuti;
  • i cambiamenti comportamentali: più miagolii, più vagabondaggio, aumento del livello di ansia, confusione o disorientamento sono indicatori di un gatto in là con l’età.

Se non sei sicuro di quanti anni abbia il tuo gatto, puoi sempre rivolgerti al tuo Medico Veterinario per maggiori informazioni e per aiutarti a stimare correttamente l’età del tuo gatto.

Le 6 fasi di vita del gatto: la classificazione dell’età del Micio

L’American Association of Feline Practitioners, l’associazione che tutela la salute felina, delinea 6 fasi della vita dei gatti:

  1. Gattino – 0–6 mesi: un periodo in cui il giovane gatto sta crescendo rapidamente e di solito non è abbastanza maturo
  2. Junior – 7 mesi–1 anni: durante questo periodo il gatto raggiunge la piena grandezza e impara a conoscere la vita e come sopravvivere ad essa
  3. Adulto – 2-6 anni: il gatto è maturo fisicamente e dal punto di vista comportamentale, e di solito è ancora sano e attivo, ha un aspetto elegante e brillante
  4. Maturo – 7-10 anni: la maturità nel gatto equivale alla fascia d’età umana tra i 40 e i 50 anni.
  5. Senior – 11-14 anni: l’equivalente di circa 70 anni umani
  6. Super Senior – 15 anni e oltre: stadio raggiunto da molti gatti

[/paragrafo_solo_testo]

Aspettativa di vita del gatto

I gatti domestici vivono in media 10-15 anni, mentre i gatti outdoor vivono in media 2-5 anni.

I gatti potrebbero non avere davvero nove vite, ma fattori come la dieta, l’assistenza sanitaria e l’ambiente possono avere un impatto sulla durata della vita di un gatto.

In generale, è noto che i gatti vivono più a lungo dei cani: possono vivere anche fino a 20 a 25 anni. Secondo il Guinness dei primati, il “gatto più anziano di sempre” ha vissuto fino a 38 anni e 3 giorni, ovvero 168 anni umani!

In generale, aiutare il gatto a mantenere una dieta sana, controllare il peso e visite regolari dal veterinario contribuiranno a dargli le migliori possibilità di vivere a lungo e in salute!

Alimentazione corretta del gatto a seconda della fascia d’età

A seconda della fascia d’età del tuo gatto dovrai scegliere il cibo più adatto a lui: i gattini dovrebbero passare a un cibo per gatti adulti a 12 mesi per assicurarsi che ricevano i livelli di nutrienti adeguati.

Per questo, esistono linee di alimentazione per gatti studiate appositamente in base all’età di Micio:

Alimentazione per Kitten (0-6 mesi d’età)

Scopri tutti i migliori prodotti di alimentazione specifica per gattini.

Alimentazione per gatto Junior (dai 7 mesi all’anno di età)

Tra i migliori prodotto di alimentazione per gatti Junior troviamo:

Alimentazione per gatto adulto (2-6 anni d’età)

Scegli la soluzione migliore per il tuo micio a partire dall’anno d’età in su: esistono numerosissimi cibi secchi per gatti adulti, cibi umidi e alimenti dietetici secchi e umidi.

Alimentazione per gatto Mature (7-10 anni d’età)

Alimentazione per gatto Senior (10-14 anni d’età)

Se vuoi saperne di più, leggi i nostri consigli su quanto deve mangiare un gatto, a seconda della sua fascia d’età.

Iscriviti ad Arcacard

Ti invieremo in anteprima tanti consigli,
offerte e novità pensate per il tuo Pet.