in Cane - Benessere e salute - Uncategorized

Piante velenose per i cani: quali sono e cosa fare

Piante velenose per cani: cosa sapere

Se sei un appassionato di piante e fiori, è importante sapere che ci sono alcune piante, molte delle quali utilizzate per abbellire giardini e terrazze, innocue per l’uomo, ma che possono rivelarsi velenose per i cani.
Se vuoi scoprire quali sono, leggi questo articolo: troverai i consigli utili per capire quali sono le piante velenose per Fido e come bisogna comportarsi in caso di intossicazione!

Quali sono le piante velenose per i cani

Per la sicurezza del tuo pet che, per conoscere il mondo e dar sollievo alle gengive nella fase della dentizione, spesso mordicchia, è bene conoscere le piante, i bulbi, foglie, fiori e semi che possono essere per lui velenosi.

In caso di intossicazione da queste piante, l’importante è agire tempestivamente contattando subito il tuo Veterinario che ti consiglierà come comportarti.

Le piante velenose più comuni per cani sono:

  • Begonia;
  • Ciclamino;
  • Crisantemo;
  • Croton;
  • Dafne;
  • Ficus;
  • Filodendro;
  • Giglio;
  • Gelsomino;
  • Mughetto;
  • Oleandro;
  • Ortensia;
  • Primula;
  • Rododendro;
  • Stella di Natale.

Le bacche velenose più comuni per cani sono:

  • Agrifoglio;
  • Vischio

I semi velenosi più comuni per i cani sono:

  • Glicine;
  • Mandragora;
  • Ricino;

I bulbi velenosi più comuni per i cani sono:

  • Giunchiglia;
  • Iris;
  • Tulipano.

I fiori e le foglie velenose più comuni per i cani sono:

  • Azalea;
  • Anturio;
  • Bosso;
  • Cactus;
  • Edera;
  • Rododendro.

Quali sono i sintomi da intossicazione da piante tossiche

I sintomi da intossicazione da piante velenose nei cani possono essere di più o meno gravi, l’importante è agire tempestivamente. Se hai il sospetto che Fido abbia ingerito parti di una pianta nociva, non esitare e contatta immediatamente il tuo Veterinario di fiducia.
Un consiglio sempre utile è assolutamente evitare di:

  • indurre il vomito: ciò potrebbe lesionare ulteriormente l’esofago o le vie aeree;
  • somministrare liquidi che potrebbero amplificare gli effetti collaterali delle sostanze tossiche;
  • somministrare medicinali.

I sintomi da intossicazione da piante velenose possono essere di diverso tipo:

  • diarrea;
  • convulsioni;
  • tremori;
  • ipersalivazione;
  • vomito;
  • coliche;
  • dermatiti;
  • alterazione del ritmo respiratorio, difficoltà respiratorie;
  • aumento della temperatura.

Come evitare l’intossicazione da piante velenose

Nel momento in cui un cane arriva in famiglia, è fondamentale, come prima cosa, mettere in sicurezza la casa senza trascurare il balcone o terrazzo e il giardino.
Per evitare spiacevoli inconvenienti, sarebbe consigliabile evitare di tenere in casa le piante sopra menzionate o, tutt’al più, di tenerle lontano dal cane e posizionarle in luoghi che siano difficilmente accessibili.
Ecco alcuni consigli su come evitare l’intossicazione da piante velenose:

  • posiziona i vasi più in alto possibile;
  • controlla spesso il manto erboso per evitare la crescita spontanea di alcune piante potenzialmente velenose;
  • proteggi i fiori probabilmente tossici con reti apposite a maglia stretta e ben affrancate.

Le feste stanno arrivando e vuoi conoscere tutti i cibi da evitare per il cane? Leggi i nostri consigli e scopri di più. Infine, non perderti la nostra guida completa su come festeggiare il Natale in piena sicurezza insieme al tuo amico a 4 zampe!

Iscriviti ad Arcacard

Ti invieremo in anteprima tanti consigli,
offerte e novità pensate per il tuo Pet.